Trekking Cinque Terre: escursione ai resti dell'Eremo di S.Antonio


sentiero eremo di s.antonio foto caterina coppaTra i sentieri delle Cinque Terre più panoramici c'è quello per raggiungere i resti dell'Eremo di S. Antonio, situati tra Levanto e Monterosso al Mare. Ideale per concedersi un trekking alle Cinque Terre di mezza giornata, i ruderi si trovano sulla punta del Mesco e si raggiungono in circa un'ora e mezza con il sentiero SVA 590 che parte dalla Fegina a Monterosso, dietro la Stutua del Gigante. Il sentiero sale, si percorre la strada asfaltata poi, nei pressi dell'Albergo Suisse Bellevue, si riprende il sentiero tra una rigogliosa macchia maditerranea. L'Eremo di S.Antonio è raggiungibile anche da Levanto (partenza nei pressi del Castello), tramite un percorso sul mare.

Gradoni alti si alternano a fondo sterrato, fino ad arrivare al bivio per Levanto, dove un cartello indica il sentiero per raggiungere gli affascinanti ruderi dell'eremo, dopo aver attraversato un ponticello di legno. Si tratta di uno degli edifici più antichi della zona, una chiesa con romitorio, situati a 311 metri sul mare e immersi in una lecceta. Il panorama è spettacolare: lo sguardo può spaziare dal promontorio di Portofino, fino a tutta la costa delle Cinque Terre e poi oltre all'isola Palmaria. La prima notizia storica dell'Eremo di s.Antonio del Mesco risale al 1380 anche se si ritiene che il complesso sia più antico, forse dell'XI secolo. Infatti, dei due edifici, uno risalirebbe almeno all' XI secolo, come confermato dagli studi effettuati, mentre al XV secolo risalirebbe il secondo e definitivo ampliamento con pietra lavorata. La chiesa presenta paramento gotico e rimangono oggi visibili l'abside in stile romanico, parte della volta e del muro perimetrale, un portale ad ogiva; invece del convento rimane solo qualche rovina. Il convento venne abbandonato nel 1610 quando i religiosi si trasferirono presso il nuovo complesso monastico degli Agostiniani di Levanto.

panorama dal mesco foto adriano zambaldoLa chiesa del Mesco anticamente custodiva la statua di sant'Antonio Abate del XV secolo ed oggi conservata nell'Oratorio della Morte e Orazione nel centro storico di Monterosso. L'Eremo doveva servire anche come luogo strategico di osservazione per controllare l'arrivo dei saraceni dal mare. Questa destinazione d'uso secondaria è testimoniata anche dal fatto che lungo il sentiero, poco prima di arrivare all'Eremo, si incontrano i resti di una piccola torre di avvistamento. Poco più avanti dell'edificio di culto ci si imbatte, invece, nei resti del Semaforo, il faro realizzato dalla Marina Militare nei primi decenni del XX secolo.

Viaggia
Con Facilità

Il Treno, sicuramente il mezzo di viaggio migliore per visitare le Cinque Terre e lasciarsi incantare dalla bellezza del mare ligure. Dal 16 Marzo è in servizio il treno 5 Terre Express per viaggiare comodamente tra La Spezia Centrale, Riomaggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza, Monterosso e Levanto con unico biglietto a tariffa singola, approfittando dell'offerta di 100 treni al giorno, 7 gg su 7, ogni 15 minuti